Aniello Califano


Tra chanteuses e varietà, nasce ‘O surdato ‘nnammurato

 

 

Nasce a Sorrento il 19 Gennaio 1870 nella casa dei nonni materni, la famiglia è di quelle che contano in fatto di ricchezza, infatti sono proprietari terrieri tra Sorrento e la provincia di Salerno, precisamente nel comprensorio di Sant’Egidio del Monte Albino.

La famiglia paterna è originaria di Malta, mentre la madre è di Sorrento dove è comproprietaria dell’albergo Rispoli, futuro Grande Hotel Vittoria. Sin dalle elementari Aniello scopre la sua vena poetica e il padre, appassionato di letteratura dialettale, alimentava questa vena portandogli da Napoli libri di Ferdinando Russo e di Salvatore Di Giacomo. Durante le feste in casa il piccolo Califano si esibiva improvvisando rime baciate e immancabilmente qualche parente gli dava un soldo.

A scuola primeggiava in italiano e storia. Nel 1887 il padre gli affitta un quartino a piazza Carità a Napoli per permettergli di frequentare l’ultima classe del tecnico. Ma a Napoli i luoghi di piacere per un ragazzo della provincia sono troppi, così inizia a frequentare trattorie, birrerie e caffè, in uno di questi locali incontra il poeta Ferdinando Russo di cui è grande estimatore. Tra poeti e musicisti si trova a suo agio, con l’aiuto economico del padre pubblica le sue prime raccolte di poesie. Ormai vive a Napoli da sei anni i genitori continuano a finanziarlo anche se si sono rassegnati, non lo vedranno mai ingegnere.

Di temperamento focoso, il poeta frequenta e corteggia molte sciantose dell’epoca attirate anche dalla disponibilità economica del giovanotto, il quale tra un’avventura ed un’altra non disdegna di tornare nel paese nativo, dove in casa dei genitori conosce Stella Pepe dama di compagnia della madre. Stella era una donna del popolo sposata due volte e per due volte rimasta vedova, dall’ ”amicizia” con Aniello nasceranno quattro figli, i due non si sposeranno mai, si pensava che il poeta, viveur scapestrato, amante della bella vita e belle donne non volesse sposare Stella, ma la verità era che Stella per il fatto di aver perso due mariti credeva ne l malocchio.

Intanto a Napoli nell’ambiente dei poeti e musicisti, Califano si è fatto strada è stimato dai suoi colleghi anche per la sua copiosa produzione di poesie e canzoni cambiando spesso editore. Siamo nel 1915 il generale Cadorna firma il bollettino di guerra, gli spettacoli hanno perduto gran parte del pubblico giovane, e gli autori si concentrano sulle canzoni patriottiche, quell’anno egli sforna undici canzoni tra cui

‘O surdato ‘nnammurato

Staje luntana da stu core,
a te volo cu 'o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si sicura 'e chist'ammore
comm'i só sicuro 'e te...
Oje vita, oje vita mia...
oje cor 'e chistu core...
si stata 'o primmo ammore...
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me!
Quand 'a notte nun te veco,
nun te sento 'int'a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astregno forte 'mbraccio a me?!
Ma, scetánnome 'a sti suonne,
mme faje chiagnere pe' te...
Oje vita, oje vita mia...
oje cor 'e chistu core...
si stata 'o primmo ammore...
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me!
Scrive sempe e sta' cuntenta:
io nun penzo che a te sola...
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me...
'A cchiù bella 'e tutte bbelle,
nun è maje cchiù bella 'e te!
Oje vita, oje vita mia...
oje cor 'e chistu core...
si stata 'o primmo ammore...
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me!

L’editore Gennarelli quando legge questi versi si commuove, lui che è un uomo tosto non ha potuto nascondere le lacrime. Adesso bisogna affidarli ad un musicista capace di trasformare quei versi in una canzone orecchiabile, il musicista è Enrico Cannio, il successo è immediato, la canzone viene cantata nelle trincee e nei cafè-chantant, ma scoppiata la pace, il fascismo mette all’indice quel canto “disfattista”, più tardi la intonarono in coro i tifosi del Napoli.

Aniello Califano morirà nell’1919 nella sua casa di S.Egidio del Monte Albino all’età di 49 anni probabilmente per una infezione alla gola di ritorno da un viaggio a Roma, nel paese si diffuse la notizia che la morte fosse causata dal vaiolo. Non si riuscì a trovare un impresario di pompe funebri disposto a fare il trasferimento al cimitero, se ne incaricò il mezzadro della fattoria di famiglia, il quale caricò la bara sopra un carretto e la portò da solo al cimitero, dopo dovette bruciare il carretto e tutti i mobili della camera da letto del poeta.