Vincenzo Russo : ---Poeta del popolo---

 

 

I suoi versi sono famosi in tutto il mondo, I’ te vurria vasà , Maria Marì, Torna Maggio sono solo alcune delle sue canzoni eppure pochi uomini di talento sono stati condannati all’oblio quanto lui.

La sua biografia è stata a lungo tracciata sul filo dell’aneddoto, è stato descritto come analfabeta, triste, dispensatore di numeri al bancolotto. Adesso sappiamo che è tutto falso o esagerato, dobbiamo ringraziare il ricercatore Ciro Daniele, che da più di vent’anni studia la canzone napoletana , è merito suo se oggi sappiamo tutto sulla breve vita di questo poeta. Il perché di questa ingiusta condanna all’oblio forse la troviamo proprio nel suo atto di nascita: Russo vide la luce nella Napoli dei miseri e non se ne staccò mai, restò sempre estraneo alla parte dorata dell’ambiente della canzone.

Nasce a Napoli sezione Mercato il 18 marzo 1876 alle ore 12,00, il padre Giuseppe, calzolaio e la madre Lucia Ocubro, donna di casa, anche i testimoni erano sottoproletari , un guarnimentore, ossia uno che adornava le carrozze e un fabbro. Quest’atto di nascita è una istantanea dell’ambiente. Per motivi di salute non frequentò le scuole elementari, l’umidità della casa insieme ad una alimentazione precaria minò la sua salute e quella dei suoi fratelli, ma ciò nonostante raggiunse un discreto grado di istruzione, frequentando i corsi serali per operai .

Dopo la morte del padre, dovendo contribuire al bilancio familiare, trovò lavoro come guantaio, ormai era convinto di dover dire addio alla poesia, finché non incontrò il musicista Eduardo Di Capua, famoso per la musica di ‘O sole mio. Il sodalizio produsse alcune belle canzoni tra cui il loro primo capolavoro, Maria Marì, che ottenne grande risonanza mondiale.

Il passaggio del secolo Vincenzo lo passò a letto con la febbre, il primo dell’anno gli venne a fare gli auguri l’amico Di Capua che gli disse di aver ricevuto un anticipo dall’editore Bideri ovviamente da dividere, Di Capua gli regalò una serata al Salone Margherita dove si esibiva Armando Gill, all’uscita Russo fece scivolare nelle tasche dell’amico i versi di “ I’ te vurria vasà “

Ah! Che bell'aria fresca...
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!
I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mm''o ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...
Tu duorme oje Rosa mia...
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'int''o core,
mille male penziere!
I' te vurría vasá...
............................
Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...
'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?
I' te vurría vasá..

Il giorno dopo Di Capua aveva già composto la musica : << La sognavo proprio così>> disse Russo << Ce la pagheranno bene? >> Non fu così, nessuno dei grandi autori della canzone napoletana si è mai arricchito. La canzone arrivò seconda ad un concorso e dovette spartire la somma del secondo premio con altre tre canzoni , a Vincenzo Russo non restò molto, comprò medicine.

La vene poetica del Russo ormai era sul malinconico animata da donne restie a concedergli affetto, i nomi erano diversi, Carolina, Maria, Carmela ecc..Ma tutti questi nomi erano solo un modo per proteggere l’identità dell’unico suo amore, come risulta dalle memorie della famiglia, Enrichetta Marchese, figlia di un gioielliere dirimpettaio di Russo, Enrichetta tutte le domeniche andava a messa con il calesse, chiedeva al cocchiere di rallentare quando passava sotto la finestra di Russo, alzava lo sguardo per incrociare quello del poeta, la ragazza non era insensibile a quell’affetto muto, ma la differenza di censo era troppa e i suoi non vollero neanche prendere in considerazione l’ipotesi di una loro unione.

Nel mese di giugno del 1904, Vincenzo Russo ormai molto malato, si alza dal letto, va alla finestra e guarda la chiesa di fronte tutta addobbata con ghirlande di fiori e piante, Enrichetta si sposa, lui non riesce a stare in piedi, torna a letto, chiede al cognato, che lo assiste, di prendere un foglio, vuole dettargli qualcosa, gli detta:

L’urdema canzona mia!

…. Pe’ me tutt’è fernuto!
Addio, staggione belle,
addio, rose e viole,
i’ ve saluto.

La canzone è indirizzata all’amico Di Capua ma chissà in quale modo il foglio, con i versi finisce nelle mani di Enrichetta Marchese che lo piega fino a farlo entrare in un medaglione che terrà al petto fino all’ultimo dei suoi giorni.

La storia dell’ urdema canzone mia è talmente bella e non può essere sciupata, anche se dall’archivio delle chiese della zona non risultano matrimoni in quei giorni.