Salvatore Masiello   --Liutaio--

 

 

In una piccola bottega in Via San Giovanni Maggiore Pignatelli n. 5, il tempo sembra essersi fermato qui l'arte ha un filo diretto con l'anima. Salvatore Masiello, disegnatore di equilibrate armonie, in lui l'incontro tra estro e abilitą si fondono per svolgere un mestiere d'eccellenza: il liutaio. Avviato alla professione di ebanista dal padre, a soli 17 anni entra nella bottega artigiana della famiglia Calace, qui affina la sua tecnica tramandata dalle prime botteghe di liuteria artigiana, realizzando il mandolino napoletano, discendente del liuto e del Oud arabo, usando gli stessi materiali dell'epoca.

Unico rammarico, la mancanza di sostegno delle istituzioni e la scarsa attenzione anche dal mondo della cultura e dei media, per creare una scuola e avviare giovani artigiani a questa arte. In attesa dell'assegnaziione da parte del Comune, di un nuovo laboratorio dove poter avviare una scuola di liuteria artigiana oltre che di musica (mandolino e chitarra) ci sarą anche uno spazio espositivo, continua con le passeggiate musicali,

con il gruppo Mastro Masiello Mandolino da lui fondato nel 2004,per dare voce a questi strumenti in ogni angolo della cittą.